06 Ottobre 2022
News
percorso: Home > News > Le nostre news

C’era una volta l’estate
Tra il piacere del ricordo e l’esercizio della memoria

26-08-2022 12:59 - Le nostre news
Dai cieli di Castelnuovo alle spiagge di Blackpool

“C'erano tante lucciole, nelle sere d'estate a Castelnuovo, e di là si poteva vedere il mare. Alcuni anni, da maggio a settembre andavo all'isola d'Elba, quanto nuotavo, perché io so nuotare bene”: quando Evelina apre il libro dei suoi 102 anni, non perdiamo neppure una virgola e nessuna sfumatura del suo sorriso.
Stimolare la memoria, in questo caso autobiografica e episodica, è fondamentale nella terza età. L'organizzazione e la padronanza dei ricordi permettono di costruire correttamente la continuità della storia personale e di possedere una reale prospettiva temporale di sé stessi; detto ciò, al netto delle più consolidate pratiche e teorie dei programmi di animazione sociale, oggi, in questo giorno di mezz'estate, gli ospiti si raccontano per il piacere della condivisione, tout court. Eccoli alcuni loro ricordi, corredati da foto di immagini realizzate da loro stessi per rappresentare l'estate.
“Ricordo un ferragosto, una gita al mare. Ero a Napoli, con la mia fidanzata che sarebbe diventata mia moglie- ricorda Marco- che momenti felici!”.“Uscivo spesso in barca- racconta Alberto - andavo a Punta Bianca, pescavo, quello che c'era”.“Erano gli anni '60- aggiunge Noemi- una domenica sono andata a Viareggio a mangiare il pesce con mio marito”. Il mare d'estate è ancora il protagonista dei ricordi di Angelo, di Irma, di Lida, di Maria Grazia mentre Chiara cambia registro:“Andavo a Campocecina, con la mia famiglia”; anche Cristina ricorda gite in montagna con gli amici di gioventù. “Un ricordo in particolare: all'Abetone, al campo da sci- dice Jose- con mia figlia, la mia amica Gabri, il suo fidanzato, sua mamma e sua sorella. Un picnic da signori: lasagne al forno e verdure ripiene. Dopo pranzo siamo andati a raccogliere i mirtilli”.
C'è poi chi ricorda, come Maddalena, le sere d'estate in città “quando mia mamma mi portava a ballare a Avenza, dove ora hanno fatto le case nuove”; chi aveva molto da lavorare e il tempo per divertirsi non c'era; chi- Francesca- partita per Parigi “la macchina si è guastata dopo pochi chilometri, e Parigi l'ho vista l'anno dopo”. Dall'Italia al Regno Unito per recuperare i ricordi anglosassoni di Mariarosa, che negli anni di permanenza a Londra per lavoro, durante le ferie estive si recava a “Liverpool o a Blackpool, dove c'è una spiaggia bella e grande”.
Grazie a tutti gli ospiti, i loro ricordi sono ora anche un po' nostri.


Fonte: animazione

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie